Skip to content
Giardini di piante acquatiche
Collezione botanica

Giardini di piante acquatiche

I giardini di piante acquatiche sono un altro elemento non usuale all’interno di un parco.
Qui la progettista olandese ha utilizzato un altro dei suoi contrasti, realizzando un lago dalle forme architettoniche molto marcate che ha però tutte le caratteristiche di biolago naturale, grazie all’impiego di differenti tipologie di piante acquatiche. Questo tipo di piante si differenzia infatti per categorie a seconda della forma in cui è presente in acqua, libera o ancorata al suolo, e a seconda della profondità in cui prolifica e si colonizza.
La costruzione del biolago è quindi passata da una prima selezione che ha riguardato forme vegetali piuttosto semplici, dove la componente di fioritura e colore risultano secondarie rispetto all’affinità di riproduzione di un ambiente naturale. Allo stesso modo la scelta delle specie ha così riguardato le diverse forme biologiche rinvenibili in un contesto di laghetto. L’ambiente così ricreato dovrebbe inoltre favorire l’arrivo di tutte quelle forme di vita animale che abitualmente frequentano questi habitat e, nonostante sia un parco certamente urbano, si sono già viste le prime libellule!

n° piante: 450
ELENCO SPECIE
Piante acquatiche:

  • Ceratophyllum demersumPianta sommersa a crescita veloce. Utilizzata abbondantemente nei laghetti e anche negli acquari poiché contribuisce a rallentare efficacemente lo sviluppo di alghe, ad ossigenare l’acqua e assorbire le sostanze organiche disciolte in in essa. Predilige un’esposizione di sole o mezzombra.
  • Hottonia palustrisAnche conosciuta come Violetta acquatica, ha un fusto eretto, foglie e radici sommerse. I fiori, piccoli e bianchi e con centro giallo, emergono dall’acqua su steli lunghi circa 20-30 cm. Solitamente vive in acque dolci stagnanti di estensione variabile, come bordi di laghetti, stagni, meandri fluviali e fossi.
  • Myriophyllum alterniflorumPianta erbacea sommersa tipica di acque sia stagnanti che fluenti, compresi i fiumi che scorrono rapidamente, costituita da sottili fusti sommersi rivestiti da piccole e delicate foglie verdi e formanti dense coperture. I suoi piccoli fiorellini compaiono emergendo dalla superficie dell’acqua.
  • Myriophyllum spicatumConosciuta come Millefoglio d’acqua, presenta foglie divise in segmenti e una colorazione che varia dal marrone al verde, a seconda della luce e della stagione. Nel periodo estivo compaiono caratteristiche infiorescenze a spadice di colore rosso. Utile pianta ossigenante sommersa, è in grado di rallentare il propagarsi delle alghe.
  • Potamogeton pusillusPianta erbacea perenne a foglie galleggianti o immerse, cresce in stagni, canali e fossi, in acque limpide, dal livello del mare alla fascia montana. Presenta piccoli fiori verdastri in spighe nel periodo tra giugno e agosto.
  • Ranunculus aquatilisPianta molto rustica, senza particolare esigenze che ama zone ombreggiate e acque tranquille e stagnanti. I piccoli fiori, bianchi con centro giallo, si sviluppano per pochi centimetri sopra il pelo dell’acqua da maggio a giugno. Predilige un’esposizione di pieno sole.
  • Stratiotes aloidesPianta sommersa dalla straordinaria strategia di vita, produce una rosetta di foglie che in estate galleggiano sulla superficie dell’acqua, mentre in autunno si immergono fino al fondo, sopravvivendo senza problemi anche ad inverni freddi. Nel periodo tra luglio e settembre, sopra la superficie dell’acqua compaiono graziosi fiori bianchi.
  • Utricularia vulgaris ZPianta carnivora comunemente chiamata erba vescica per le particolari strutture che agiscono sia da galleggianti che da minuscole trappole. Queste strutture contengono aria che, al contatto con alcune setole, si aprono riempiandosi di acqua e risucchiando all’interno l’incauto organismo acquatico. Cresce generalmente in acque basse, stagnanti anche in siti ombrosi.
  • Zannichellia palustrisCresce in acque dolci o salmastre, stagnanti o lentamente fluenti, limpide e fredde. Riconoscibile per i suoi steli e foglie lunghi, sottili e filiformi così cone le radici. I suoi semi hanno una caratteristica forma cornuta. Nel periodo tra aprile e luglio compaiono piccoli fiorellini bianchi.

Botanical information powered by AG&P

Condividi su